guild.jpg

HOLEBONES

La storia della musica in generale, ma soprattutto la storia del Blues è costellata da eventi e incontri fortuiti quanto inaspettati.

Succede in ogni parte del mondo a dispetto di razza, colore ed età che musicisti si sintonizzino tra di loro in maniera del tutto spontanea e miracolosamente bella, cogliendo il meglio di strumenti, melodie e anime in modo da creare sempre qualcosa di nuovo, magari partendo da chi ha lasciato un testimone.

In questa maniera e animati da questo spirito quattro musicisti nati e cresciuti nel caldo abbraccio della Black Music, con stili, background e ascolti differenti decidono di fondere le loro personalità in quello che è stato l'origini di tutto: il Blues.

Un nome che richiama i territori e la storia del Blues, ma che attesta il solido attaccamento alle radici meneghine della band.

Milano, la patria del risotto con l'ossobuco, vede nascere gli Holebones e li fa crescere arricchendoli con la commistione di culture e di tradizioni che sa offrire.

La band nasce da un’idea di Heggy Vezzano (chitarrista “storico” del Blues nostrano e sideman di artisti come Francesco Renga, Nina Zilli, Andy J. Forest e molti altri) e Andrea Caggiari (bassista Blues e non solo, con all’attivo diverse collaborazioni tra cui Amanda e la Banda, Daniele Tenca, Amanda Tosoni & Andrea Caggiari Duet, ecc…).

La volontà è quella di formare un trio per interpretare dal vivo i classici del Blues, con Andrea nella veste di cantante oltre che bassista.

Il progetto si consolida con l’entrata in formazione di Leif Searcy alla batteria (già collega di Heggy in altri progetti e batterista poliedrico che vanta collaborazioni come Carmen Consoli, Malika Ayane e molti altri).

Parte così l’attività live sui palchi del Nord Italia ed è proprio lì, sul palco, che tra i tre musicisti nasce una profonda e bilanciata armonia.

È a marzo 2020, quando l'emergenza sanitaria costringe tutto il Paese in lockdown, che il trio inizia a riarrangiare alcuni brani storici del Blues, lavorando da casa.

L'approccio è fresco, libero e creativo: si decide di non porre particolari limiti alla direzione da intraprendere e di esplorare diversi approcci con l'intento di rimaneggiare i brani seguendo il proprio istinto e gusto musicale, creando una versione unica e personale.

Quattro brani dopo l’inizio dei lavori, gli Holebones si accorgono che varrebbe la pena dare una forma più concreta a questo progetto incidendo un intero disco.

La ricerca di uno studio di registrazione porta i tre musicisti al NoLo Recording Studio del chitarrista Niccolò Polimeno e di Matteo Gilli.

Niccolò (chitarrista, cantante, autore ed anche fonico professionista) resta impressionato dal progetto e decide di sposarlo diventandone il secondo chitarrista. La band passa due settimane chiusa in studio, dedita completamente alla realizzazione di quello che ormai stava diventando un vero e proprio LP. Otto brani, tutti vecchi Blues, a parte uno.

Da qui nasce “LOUD".

Holebones. 

The name comes from the milanese typical dish “Ossobuco”, wich represents the core of the towns culture and tradition.

The band starts as a Trio back in 2019, playing in Clubs in the milanese Blues scene.

Heggy Vezzano (guitar), Andrea Caggiari (bass and lead vocals) and Leif Searcy (drums) soon find a great chemistry while performing classic blues songs.

As day goes by and the pandemic covid 19 hits the world, the three musicians decide to “smartwork” their way out and decide to rearrange 4 classic blues songs at home.

The moment that local lockdown has ended, the three musicians decide to hit the Studio and record 8 songs.

At this point Nicolò Polimeno, who is not only NoLo Studio's owner and Sound Engineer but also a great guitarist, joins forces and becomes the forth member of the band.

At this point every musicians gives it's personal touch and the result is an atypical blues band, whose musical influences come from a variety of genres, that include music from the afroamerican culture (Blues, Gospel, Hip Hop, Rythm'n'Blues) as well as american Rock, Stoner and Grunge Music.

“LOUD!” is the upcoming album of the quartet, a selection of blues , spiritual classics and protest songs.

All songs are revisited and rearranged to give it a “fresh” and contemporary feel, revealing powerfull yet very delicate atmospheres.

The Holebones lineup features the talents of italian guitar great Heggy Vezzano, who is known for his work with Artists such as Andy J Forrest, Cooper Terry, Ronnie Jones, Malina Moye as well as sideman for pop artists such as Francesco Renga, Emma Marrone and Nina Zilli.

Andrea Caggiari on lead vocals and bass has performed with various italian Blues acts such as  Amanda e la Banda, Daniele Tenca and others.

Leif Searcy is a renown session drummer who has performed all over Europe and plays for italian Pop Rock  Artists such as Carmen Consoli, Malika Ayane, Emma Marrone, Francesco Renga.

Niccolò Polimeno is the “young gun” of the band, a great guitar player and songwriter as also sound technician of his own “NoLo “Recording Studio.